Notti magiche di Paolo Virzì

Barnaba Lupo
di  pubblicato il 8 Maggio 2021
Micro recensioni

Bel ritratto cinico della Roma-che-fa-cinema nel 1990, che non ha avuto il successo che si sarebbe meritato forse perché incentrato su un periodo e su dei personaggi realmente esistiti che solo pochi conoscono.

Sono proprio questi personaggi, però, i “grandi burattinai” che hanno mosso i fili del cinema italiano e l’hanno portato in alto nel mondo, utilizzando metodi a volte criticabili ma forieri di risultati tangibili e ancora oggi apprezzati. E, in ogni caso, erano dei pezzi di pane rispetto ai produttori hollywoodiani degli anni ’30 e ’40 che hanno fatto sognare milioni di persone.

Forse proprio per lo stile amarcord della pellicola, è un’emozione vedere nomi come Simona Marchini Ferruccio Soleri impreziosire e bucare lo schermo con i loro camei: non c’è nessuno che voglia produrre un Marigold Hotel all’italiana con loro nelle parti principali?

 

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes