L’amore in città di Antonioni, Fellini, Lattuada, Lizzani, Maselli, Risi e Zavattini

Barnaba Lupo
di  pubblicato il 24 Dicembre 2020
Micro recensioni

Interessante esperimento a metà fra il documentario e il neorealismo, che coinvolge alcuni dei principali Maestri del cinema nostrano, e rimane da osservare più come un documento storico che come un film da godersi.

L’idea è senza dubbio unica: raccontare episodi di cronaca quotidiana incentrati sull’amore in varie forme, riproposti dagli stessi protagonisti non attori che li hanno vissuti di persona. Sarebbe bello vedere come oggi lo farebbero Sorrentino, Garrone, Diritti, Bellocchio Amelio, per esempio.

Fellini si ritaglia – ovviamente – l’episodio più assurdo, condendo già il suo cortometraggio di elementi semionirici, anche se il tempo limitato a disposizione, esattamente come in Boccaccio ’70, sembra soffocarlo e non dargli modo di esprimersi a pieno.

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes