NOCTURNE di ZU QUIRKE

Carlo Gambillo
di  pubblicato il 28 Ottobre 2020
Micro recensioni

Blumhouse, assieme ad A24, è la casa che ha prodotto gli horror indie più interessanti degli ultimi anni, vedi Get Out, Whiplash, Creep o Upgrade. Quindi accogliamo con piacere l’uscita, in collaborazione con gli Amazon Studios, di quattro nuovi film della scuderia americana all’interno del progetto Welcome To The Blumhouse, tutti disponibili su Amazon Video. Il migliore del lotto è probabilmente questo Nocturne dell’esordiente regista inglese Zu Quirke, un horror psicologico di ottima fattura ambientato in una accademia musicale d’élite, dove l’ossessione per il successo di una studentessa finirà nel peggiore dei modi. Un po’ Black Swan, un po’ Suspiria, un po’ Faust, una tensione crescente abbinata magistralmente alla musica sinistra di Saint-Saëns e Tartini ed una grandissima prova di Sydney Sweeney (che tanto mi ha ricordato la Sissy Spacek di Carrie) sono gli ingredienti per un esordio molto promettente. Bellissimo ed originale il finale, per un horror non guasta…

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes