COSA AVETE FATTO A SOLANGE? di MASSIMO DALLAMANO

Carlo Gambillo
di  pubblicato il 20 Ottobre 2020
Micro recensioni

Cosa rende così speciali i migliori film appartenenti al genere giallo che tanto successo ebbe nel cinema italiano negli anni 60 e 70? Un mix particolare di atmosfera, fotografia, sexploitation, recitazione sempre sommaria e soundtracks spesso portentose ha contribuito a forgiare un genere che ha pochi simili nel panorama del cinema thriller mondiale. In questa versione meravigliosamente restaurata troviamo yin e yang del cinema italiano, dalla colonna sonora strepitosa di Morricone alla performance di Fabio Testi che è meno espressivo di un appendiabiti dell’Ikea, alla bellissima fotografia di Joe D’Amato, alla regia nervosa di Dallamano, già direttore della fotografia nei primi western di Leone. Girato in poco più di un mese a Londra, il film è ambientato in un collegio femminile cattolico ed è sempre prodigiosamente in bilico tra il kitsch ed il sublime, tra sequenze degne del primo Argento e scene di nudo che sembrano outtakes di Quel Gran Pezzo Dell’Ubalda. Da vedere! 

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes