One Million Little Pieces di Sam Taylor-Johnson

Angelo Vianello
di  pubblicato il 23 Giugno 2020
Micro recensioni

C’era davvero bisogno di un altro film sul processo di redenzione dentro ad un rehab? Serviva vedere un altro personaggio finto bukowskiano annoiarci a morte con atteggiamenti da tossico/alcolizzato/autodistruttivo? Non ne abbiamo visti già a centinaia (e sopratutto nella vita reale)?

Aaron Taylor-Johnson (molto bono, c’è da dire) cerca di fare la prova attoriale della sua vita dimenandosi molto, urlando, scalciando (leggo che ha partecipato anche alla stesura della sceneggiatura, bontà sua), attorniato da attori veri di una certa levatura, trai quali spicca Billy Bob Thorton, che interpreta un ruolo davvero terrificante del buono ravveduto, nel quale non risulta credibile nemmeno per un nano secondo.

Consigliato a chi ha voglia di commuoversi a costo zero: qualche azione specchiata della propria vita la si trova di sicuro qua dentro.

La parte migliore resta quella in cui il protagonista balla nudo (l’ho già detto, si, che è bono?).

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes