#gay #homealonefestival Tinta Bruta di Filipe Matzembacher e Marcio Reolon

Angelo Vianello
di  pubblicato il 25 Marzo 2020
Micro recensioni

Amore e solitudine ai tempi di cam4, sito in cui ci si trastulla in cambio di token, gettoni che si tramutano in denaro.

Pedro, la cui vita è decisamente complicata, ha come unico forma di guadagno l’esibirsi in chat erotiche gay,  con movenze sensuali e, soprattutto grazie all’uso di una vernice fosforescente, riesce anche a fare qualche soldo.

Finché incontra un suo rivale, che copia la sua invenzione di colorarsi mentre si masturba per utenti paganti, Boy25m che diventa nel contempo il suo fidanzato.

Ambientato a Porto Alegre, ritratto di ragazzo che cerca di risolvere un enorme problema  con la giustizia, determinato da un atto (violento) di ribellione dopo anni di bullismo ricevuto.

Finale toccante sulle note della meravigliosa voce di Anohni (o Antony, comunque vogliasi chiamarlo).

 

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes