#ILCINEMAAITEMPIDELCONTAGIO -SHELLEY di ALI ABBASI

Carlo Gambillo
di  pubblicato il 29 Febbraio 2020
Micro recensioni

Sesto giorno di coronavairuss! A casa dal lavoro e con le serrande dei cinema abbassate nonostante a Venezia siano i posti più sicuri in assoluto grazie alla media di 2,34 spettatori per spettacolo (inferiore addirittura al R0 del coronavairuss!) non mi resta che camminare alla ricerca di qualche cantiere da guardare, unica occupazione rimasta per gli over 50. In serata, su segnalazione del buon Angie, riesco a recuperare l’esordio del 2016 di Ali Abbasi, il regista di Border, uno dei film più inquietanti visti ultimamente al cinema (e pure quella volta in sala non si arrivava alla doppia cifra). Se possibile, questo Shelley è ancora più angosciante, come se il primo Cronenberg facesse il remake di Rosemary’s Baby dopo aver riscritto la sceneggiatura a quattro mani assieme ad un Von Trier coi coglioni girati. Eccezionali le due protagoniste. E se cercate una ulteriore conferma della malignità del genere umano, andatevi a controllare il titolo italiano di Rosemary’s Baby….

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes