#OGGIALCINEMA – SORRY WE MISSED YOU di KEN LOACH

Carlo Gambillo
di Carlo Gambillo pubblicato il 10 Gennaio 2020
Micro recensioni

A 83 anni suonati Ken Loach è ancora incazzato come una biscia, in un’epoca in cui indignarsi per un mondo che va fragorosamente a puttane è visto solo come segno di rincoglionimento o, peggio ancora, come atteggiamento opportunistico. Quanto strapperei volentieri con un ferro da calza le emorroidi a chi ha inventato il termine radical chic! Ken Loach ritorna nella Newcastle di I, Daniel Blake per raccontarci l’orrore della gig economy. E come ogni suo film, Sorry We Missed You sarà bollato come il ritrattino peloso e buonista di uno che non vuole mettersi al passo coi tempi. Ed invece è una fotografia nitidissima di una società che ha ormai completamente dimenticato le regole base di una convivenza civile, praticamente una colonscopia.

Probabilmente il miglior Ken Loach dai tempi di My Name Is Joe. Magnifica la fotografia di Robbie Ryan e la prova di tutti gli attori. Ma credo che Loach riuscirebbe a far sembrare un attore anche Gabriel Garko…

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes