#TFF37 – Jojo Rabbit di Taika Waititi

Stefania Carrer
di Stefania Carrer pubblicato il 1 Dicembre 2019
Micro recensioni

C’era davvero bisogno di fare un altro film su bambini e olocausto? Sì, rispose il saggio: finché saranno assegnati i premi Oscar, vale la pena provarci.
Solo che, se proprio si vuol fare un adattamento Disney di un titolo qualsiasi del filone “pigiama a righe”, bisognerebbe almeno essere in grado di replicare i toni drammatici che a partire da Bambi e Dumbo hanno segnato generazioni di minorenni. Oppure osare con una comicità irriverente. E invece no, la ricerca dell’equilibrio e la schizofrenia degli intenti del regista ha in questo caso finito col rendere tutto insipido, persino i labbroni della Johansson.

Salvo dal baratro dell’oblio il cenno di distopia veicolato dai vari accenti inglesi messi in bocca ai nazisti.

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes