La solitudine dei numeri primi di Saverio Costanzo

Barnaba Lupo
di  pubblicato il 20 Ottobre 2019
Micro recensioni

Guardare (con qualche salto in avanti) questo film mi ha fatto capire due cose sulla recitazione in Italia: 1) Alba Rohrwacher è la più brava attrice contemporanea che abbiamo e 2) la maggior parte degli attori italiani (leggasi, in questo caso, il resto del cast) non sa recitare.

Il film tocca argomenti pesanti, che il buon Truffaut sono sicuro sarebbe riuscito a raccontare con la delicatezza e l’intensità che solo lui riusciva a trovare, in un misto tra Gli anni in tasca e La signora della porta accanto ma, purtroppo, lo abbiamo perso troppo presto.

Poteva essere una grande occasione per portare il cinema italiano in tutto il mondo, con la forza anche di un libro di successo alle spalle, e mi dispiace dire che Costanzo e la Rohrwacher  sembrano essere gli unici due che sapevano cosa stavano facendo, a differenza di tutti gli altri membri di cast e troupe che sembrano essere capitati sul set per caso.

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes