#iffr2019 Bloody Marie di Lennert Hillige e Guido Van Driel

Angelo Vianello
di  pubblicato il 11 Marzo 2019
Micro recensioni

Marie è una marcia. Marie è una di noi.

Marie si sveglia la mattina sul ballatoio di casa perché non è riuscita ad arrivare al letto. Marie vive ad Amsterdam (e dove altrimenti?) ed è conosciuta dai baristi di tutta la città.

Marie è un’illustratrice famosa, ma l’alcol le impedisce di lavorare e le procura parecchi problemi, tra i quali uno bello grosso con la mafia russa. Film molto gradevole solo nella prima parte, del tutto sconclusionata la seconda.

Probabilmente, anche Marie avrebbe voluto un po’ più di coraggio e un po’ meno desiderio di mainstream nel raccontare la sua storia.

Presenza massiccia in sala di attori e registi, ovviamente molto applauditi.

Cosa pensi della recensione?!
Stupendo
0%
Fico
0%
Può andare
0%
Cosa!?
0%
Mi butta giù
0%
Che schifo
0%
Short is better, sometimes